Io con Paco, vecchietto del canile di Saluggia
Io con Paco, anziano ospite del canile di Saluggia (VC)

Mi chiamo Rachele e amo raccontare storie.

Mi chiamo Rachele e ho 38 anni. Sono nata e cresciuta a Biella. Da qualche anno vivo vicino a Torino. Prima o poi la mia casa sarà l’Irlanda.

Da sempre mi piacciono le storie. Ho imparato a leggere presto, grazie a mio padre, e non ho mai smesso. E mi piace raccontare, anche, tanto: è quello che so fare meglio.

Per anni l’ho fatto con le parole. Credevo fossero quelle le scarpe con cui avrei percorso il mondo. Ho una laurea specialistica in Comunicazione e sono stata giornalista pubblicista per un po’. Per quasi dieci anni sono stata la responsabile della comunicazione di un ente che si occupa di animali.

La scoperta della fotografia è stata la mia rivoluzione. Mi ha insegnato a vedere la luce e i colori, a mettere a fuoco cosa conta, a cercare e a guardare. Mi ha regalato ali per volare. Non mi posso vedere, mentre fotografo, ma so che sorrido.

Sono fotografa volontaria per canili, gattili e rifugi che si occupano di animali in difficoltà. Non ho tenuto il conto dei modelli di questi anni, ma sono più di mille. Fotografare ciascuno di loro è il mio modo per mostrare la loro esistenza al mondo e per raccontare chi c’è dietro un numero o un codice. Ci sono infinite storie da raccontare, nessuna insignificante, tutte uniche. Portarle alla luce è un atto di giustizia e di amore.


Dieci cose sparse su di me

Il mio gruppo musicale del cuore sono gli Smashing Pumpkins e, se dovessi ascoltare una sola canzone per il resto della mia vita, sarebbe Tonight, Tonight. Difficilmente riesco a stare ferma se sento un brano dei Cure o degli Editors. Avrei voluto Freddie Mercury come amico (o zio preferito).

Il libro che mi ha cambiato la vita è stato La collina dei conigli di Richard Adams. Un critico aveva scritto “Ora anche i conigli hanno la loro Odissea”. A distanza di 28 anni dalla prima lettura e almeno un migliaio di volumi dopo, penso ancora che lì dentro ci sia tutto quello che serve a far grande un romanzo.

Solo una volta ho pianto per l’emozione di stringere una mano a una persona. Era Steve McCurry.

Ho tre conigli tatuati. Ciascuno di loro ha contribuito a farmi diventare chi sono.

Da sempre mi identifico con Lisa Simpson. Ho scoperto, però, che Maggie mi piace di più.

Ho una passione per calzini, magliette e cappelli buffi. Li compro e li indosso, anche (probabilmente anche adesso, se non stai leggendo questa pagina in piena estate).

Sto prendendo la terza laurea, la seconda magistrale, in Culture moderne comparate.

Una delle mie migliori amiche è la stessa dai tempi del liceo. A volte non ci sentiamo per mesi. Sempre so che c’è.

A 20 anni sono diventata vegetariana. Sono vegana da 8 anni.

Nel mio mondo ideale vorrei adottare e aiutare qualche decina di animali in difficoltà. In quello reale vivo con mio marito e il nostro cane Skid, detto Biancospino. E no, non è male neanche così.

Vuoi scrivermi?